Il dentista bello

 

Dall’estero alcuni colleghi, miei amici, mi riferiscono che una multinazionale del dente, presente anche qui da noi, ha forse un po’ esagerato con la pubblicità, rappresentando il dentista privato con l’immagine di una persona anziana, come sorpassato dai tempi ed invece promuovendo quella dell’odontoiatra suo dipendente come l’immagine di un bel giovane, proiettato al futuro.

Pare che tutto ciò abbia molto irritato addirittura il locale Ordine dei Medici, che vorrebbe in qualche misura ostacolare questa campagna pubblicitaria.

Premesso che ho pochi elementi per verificare la veridicità di tutto ciò, accettandolo quindi solo come verosimile, non posso però fare a meno di farne scaturire una riflessione:

Pur censurandone il buon gusto, i locali Ordini Professionali  dovrebbero ringraziare questa pubblicità, è una splendida  promozione per il dentista maturo e pieno di esperienza.

E’ ben vero che la professionalità non la fa l’anagrafe, ma credo che, tra due professionisti dotati di pari talento, di pari passione per il proprio ambito lavorativo, quello più maturo non possa che suggerire maggior esperienza.

Se la mia auto ha un problema serio cerco un’officina ben attrezzata, tra i meccanici che vi lavorano quello di più lungo corso ed anche il capello brizzolato, segno del tempo, mi aiuta nella scelta.

Se nella stessa officina ci fosse una bella ragazza, ben truccata, con tuta attillata e bello smalto sulle unghie, la ammirerei, ci scambierei volentieri qualche parola ma non per raccontarle i problemi della mia vettura.

Certo non bisogna fermarsi alle apparenze, ma non si può negare che, nelle professioni, l’esperienza fa grado ed ai giovani vanno dati il tempo e l’opportunità di maturare.

Pochè la multinazionale su citata è presente anche qui, può darsi che anche a noi venga proposto il dentista bello/a.

E allora correremo tutti a farci la lampada abbronzante, in palestra, dall’estetista, dal parrucchiere?

Ma via!! L’aspetto curato e pulito è d’obbligo in ogni rapporto umano, ma la capacità di discernimento del pubblico credo vada ben oltre e sappia pesare senza troppa superficialità le caratteristiche del professionista cui affidarsi. Fidiamoci del nostro pubblico!